lunedì, gennaio 21

Parmigiana di funghi, patate & formaggio di fossa

Ecco il post del Lunedi!
Ieri una giornata molto gradevole. Alle 8 di mattina il sole già splendeva ed un filo di nebbia lentamente andava dissolvendosi. Da quando sono qui in Inghilterra mi capita spesso di fare delle lunghe passeggiate “meditative”, fra i campi e i boschi che abbondano dalle mie parti. Cosi stivali ai piedi, che fa molto “british”, giubbotto, sciarpa e guanti, mi sono inoltrato in una delle viuzze di campagna situate a pochi passi da casa mia. Direzione: il mio negozietto di fiducia, quello che ogni Domenica ormai da un anno mi fa da bar, macellaio e fruttivendolo. Mi ci è voluta un’ora per arrivare quasi di soppiatto dalle retrovie, scavalcare la staccionata di legno facendo attenzione a non farmi incornare dalla capra di passaggio ed entrare, ancora in affanno, nella calda e accogliente saletta. Una tazza di the con un goccio di latte (per cambiare), una fetta di torta alla carota (questa ve la passo a giorni) ed il giornale fresco di stampa (roba che pure mia madre stenterebbe a riconoscermi). Cosi si è aperta una giornata che poi è continuata all’insegna della cucina, dei colori e dei sapori dell’inverno. Infatti tornato a casa, poco prima di pranzo, ho preparato questa squisitezza. I funghi e le patate sono locali, il formaggio mi è stato gentilmente spedito da un mio caro amico, il resto…ve lo racconto sotto.
Ingredienti x 6 persone

7-8 funghi di media grandezza (porcini, finferli o prataioli)
3 patate grandi a pasta bianca
100 gr di formaggio di fossa
pan grattato
salvia fresca
olio extravergine d’oliva
una noce di burro
sale grosso
pepe nero

Pelare le patate, tagliarle a rondelle sottili, cuocerle in acqua bollente per qualche minuto e scolarle bene al dente. Nel frattempo tagliare i funghi a fette piuttosto spesse e soffriggerli in padella con un filo d’olio, salare ed aggiungere una spruzzata generosa di pepe nero. Ungere con una noce di burro il fondo di una teglia e ricoprirlo di pangrattato, poi procedere con i seguenti strati alternati: patate, funghi, formaggio a scaglie, salvia e pangrattato. Procedere in questo modo fino a riempire la teglia. Per l’ultimo strato abbondare con il pan grattato così da ottenere una crosta croccante e spruzzare di pepe nero. Cuocere in forno pre riscaldato a 200°. A cottura ultimata, lasciar riposare per qualche minuto, aggiungere un filo d’olio crudo, quindi impiattare.

Remo Morretta

Etichette: , , , ,

11 Comments:

Blogger Alex e Mari said...

Ma lo sai che ci si rilassa automaticamente a leggere delle tue passeggiate very british? È sempre molto gradevole passare da queste parti. Ecco, lo dovevo dire. Continuo ad invidiarti la luce in casa e ti faccio i complimenti per la ricetta. Devo trovare qualcuno che mi manda il formaggio di fossa!! Buon Lunedì.
Alex

21/1/08 7:07 AM  
Anonymous Anonimo said...

Come mi piacerebbe passeggiare con te!! Intanto mi godo questa delzia.. io che sto per bere una misera zuppa di miso (liofilizzata) e qualche crackers!
baci
sandra

21/1/08 1:29 PM  
Blogger il maiale ubriaco said...

ahaha. Ciao care. la passeggiata é stata bellissima e prima o poi lo sai Sandra, un passeggiata insieme la facciamo!
Io intanto mangio gli "avanzi" di questa buona parmigiana...a lavoro!

Re

21/1/08 1:42 PM  
Anonymous caravaggio said...

ottimo abbinamento,saporoso ed calibrato

21/1/08 1:48 PM  
Blogger salsadisapa said...

formaggio di fossa? oh sì, è veramente squisito...

21/1/08 4:44 PM  
Blogger Gnocchetto al pomodoro said...

senti un po' ma lo sai che avevo in programma questa ricettina per questa sera..incredibile! Ricette telelpatiche..solo che pensavo di sostituire il formaggio di fossa con del brie..che ne pensi?..e comunque si la luce di casa tua è favolosa..

22/1/08 12:45 PM  
Blogger il maiale ubriaco said...

ah si? grazie. credo sia quel filtro naturale e costante di nuvole che rende la luce perfetta per questo geenere di foto.
Il brie dici? credo solo che serva un formaggio dal carattere forte, perché patate e funghi di se non hanno sapori decisi..
Comunque prova, magari aggingi un pó di sale grosso ad ogni strato..

Saluti!

Re

22/1/08 2:26 PM  
Blogger il maiale ubriaco said...

Mi sa che stenterei pure io a riconoscerti! Magnifico compare mio. Ma alla prossima facci vedere un pò di questi boschi, e questo negozietto di cui sento tanto parlare. Siamo proprio belli!
Ste-

22/1/08 4:04 PM  
Blogger sciopina said...

Ciao Complimenti per il blog.
Ci sono sempre delle ricette invitanti foto belle e indirizzi utilissimi.
Bravi!
ciao sciopina

22/1/08 10:56 PM  
Blogger il maiale ubriaco said...

ciao sciopina. grazie mille!

Re

23/1/08 11:14 AM  
Blogger elisa said...

che bell'inizio di giornata..da quando sono stata a Londra mi sono innamorata di tutto quello che è british.. la ricetta poi..è da leccarsi i baffi!

23/1/08 12:49 PM  

Posta un commento

<< Home