martedì, novembre 28

La lingua nel piatto, le ricette per imparare a capire l’inglese (e gli inglesi)


Cercavamo degli spunti qui al Maiale Ubriaco, notizie, curiosità, qualcosa insomma che avrebbe stuzzicato la nostra attenzione e naturalmente quella di voi lettori.
Qualche sera fa torno a casa da lavoro, decido di stappare una bottiglia di Aglianico (ad essere precisi un Donnaluna del 2005 viticoltori De Concilis) e cucinare come di consueto una cenetta molto italiana. Fra un sorso e l’altro, con un occhio ai fornelli e l’altro al giornale, mi salta agli occhi la notizia secondo cui proprio dall’Inghilterra sarebbe partita un’iniziativa editoriale davvero interessante. Renata Beltrami, giornalista e insegnante, e Silvia Mazzola, storica dell’arte, italiane a Londra ormai da anni, avrebbero dimostrato che la cucina inglese non soltanto esiste, ma che ci si può addirittura scrivere un libro.
Nel testo d’esordio La lingua nel piatto, ricette per imparare a capire l’inglese e gli inglesi (Mursia Editore Milano – www.mursia.com) le scrittrici di origine milanese hanno deciso di farci conoscere le delizie e le tante sfumature della cucina britannica, mettendo in discussione uno dei tanti archetipi della cultura moderna e sostenendo, a ragion veduta, che in Inghilterra non si mangia male, anzi.
Addirittura The Times si dice soddisfatto e gratificato dal fatto che queste due milanesi abbiano lanciato una campagna “volta-tavolo” cercando di iniziare gli italiani alle gioie della British cooking.
Cerchiamo di capire come nasce l’idea e quali gli obiettivi prefissati da chi scrive. Cito testualmente: “ Questo libro vuole essere uno strumento prezioso e flessibile per il viaggiatore timoroso, l’anglofilo curioso e il gastronomo erudito e non. Per tutti coloro che vogliono provare gusti nuovi e ascoltare storie antiche; per chi ama l’inglese e vuole assaggiarlo nelle sue forme e nei suoi sapori e poi riproporlo agli amici con tanto di citazioni”.
Proprio cosí, un’utile guida che fa della cucina il suo punto cardine, ma che è piú di un ricettario in quanto unisce attraverso i piatti tipici della tradizione, storia e racconti di una realtà millenaria, senza tralasciare utili lezioni di lingua…of course!
Si parte dal breakfast, passando per lunch, afternoon tea e dinner. Un prezioso excursus per capire cosa e come mangiano gli inglesi, quindi il loro approccio alla tavola, etico, culturale e linguistico. Leggendo si scopre che la colazione è un momento molto intimo della giornata e si svolge in assoluto silenzio. “Il massimo che vi verrà chiesto è ‘Caffè dolce o amaro? Una o due uova ”. Si perché per un inglese il mattino non è il momento adatto per farsi due chiacchiere e ostentare la propria personalitá. D'altronde pure Oscar Wild scriveva “Le persone monotone sono perfette a colazione”.
Si scopre una Gran Bretagna non fatta di soli roast beef e fish and chips, ma di tante piccole specialità custodite avidamente nella tradizione culinaria locale. Per citarne qualcuna potremmo ricordare dolci come tricle tart e sticky toffee pudding o prodotti caseari unici come lo Stilton ed il celebre Cheddar (in tutte le sue varianti e punti di stagionatura) o ancora l’ idromele, prodotto artigianalmente nelle segrete terre del Dorset.
Fra le curiosità, onde evitare spiacevoli sorprese a tavola, le autrici spiegano che il black pudding non è una delizia di cioccolato, ma una salsiccia di sangue di maiale e rognone e che il welsh rabbit non è un coniglio gallese, ma una fonduta di formaggio servita su una fetta di pane caldo. Ci sarebbe tanto da raccontare ed il Maiale Ubriaco ha intenzione di approfondire il discorso con racconti, ricette e viaggi in un paese che ha davvero tanto da svelare. Nel frattempo il testo ci sentiamo di raccomandarlo. La lingua nel piatto, una guida cultural-culinaria per arrivare preparati all’altra parte della Manica.

8 Comments:

Blogger campo di fragole said...

Articolo davvero bello ed interessante e finalmente qualcuno che spezza una lancia per la cucina inglese!! Sono anglofila in tutti i sensi visto che ho sposato un inglese, cosa che non ha fatto altro che aumentare il mio amore per l'Inghilterra. E' stato proprio con lui che ho scoperto la loro grande ricchezza culinaria che purtroppo e' negativamente offuscata dal fish and chips e cose affini, e che spesso e volentieri anche gli inglesi stessi a volte dimenticano!
Questo libro di cui parli l'avevo gia' visto qualche tempo fa da qualche parte pero' adesso che lo rivedo menzionato sicuro che lo compro.
A mio marito fara' molto piacere leggere il tuo articolo!

28/11/06 7:18 PM  
Anonymous Anonimo said...

ciao ragazzi, credo che a mettere il naso fuori casa faccia sempre bene...! la cucina inglese, poi, è tutt'altro che da sottovalutare, sopratutto per le preparazioni a base di carne, ma anche per i loro insoliti accostamenti di sapori molto interessanti.
per quanto mi riguarda, ho una passione sfrenata per l'english style nell'arredamento, anche in quel campo sono unici sugli accostamenti azzardati che non passano inosservati ;-)
a presto ::bEttI

28/11/06 8:15 PM  
Blogger il maiale ubriaco said...

Campi du fragole: non posso che sposare le tue coniderazioni dal momento che anche la mia partner é inglese. E' anche cosi che mi sono avvicinato a questa cultura.

Betti: Hai perfettemente ragione sugli accostamenti in cucina e nell'arredamento, anche se credo mi parli di arredamento contemporaneo, mentre la cucina rimane, almeno per quanto ne stiamo parlando, ancorata alla tradizione. Un bacio, Ciao!!

Re

29/11/06 10:31 AM  
Blogger il maiale ubriaco said...

Il Maiale Ubriaco (contrariamente a quanto qualcuno ha potuto pensare)è da sempre e serenamente intenzionato ad allargare i propri orizzonti. Quello che ci pare sempre di primo piano, è la salvaguardia e la riscoperta delle tradizioni. In un momento storico in cui (senza polemica alcuna) molta cucina propone la realtà estetica del piatto, a scapito della convivialità. Ringrazio Betti e campo di fragole per il loro intervento. Ste-

29/11/06 4:14 PM  
Blogger violacea said...

ragazzi che bella presentazione. A parte incurisirmi sentire di questo libro mi ha fatto davvero un gran piacere.dei miei viaggi in Inghilterra ricordo sempre il profumo e il sapore di un prosciutto mai più ritrovato, i dolci meravigliosi nelle sale da tè, l'apple pie e il cheddar. Insomma ero piccola, adolescente e mai allora avrei pensato che mi si potesse sviluppare questo amore per il cibo, ma se penso ai miei viaggi lì ricordo soprattutto questo....

29/11/06 4:29 PM  
Anonymous Anonimo said...

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

30/11/06 4:57 AM  
Blogger venere said...

Sono qui per segnalarvi il mio ritorno un po' in sordina magari, ma ci sono anch'io!!!

1/12/06 12:34 PM  
Blogger il maiale ubriaco said...

Ciao Venere, ben tornata. Che fine avevi fatto?
Un saluto dal Maiale Ubriaco

1/12/06 3:51 PM  

Posta un commento

<< Home