sabato, luglio 28

Busiate al pesto trapanese e peperoni dolci

Oggi siamo in Sicilia, metaforicamente, con un piatto che sa tanto di terra, ma che trovando le sue radici a Trapani, non può altro che ricordarci gli stupendi paesaggi marini locali. Inoltre questa ricetta è espressione tipica di una cucina estiva, povera e senza pretese, incantevole in tutta la sua semplicità. In dialetto le busiate (bucatini) sono meglio conosciuti come pasta cull’agghia, cioè all’aglio, che qui è l’ingrediente principale (alla faccia di chi lo vorrebbe abolire dalle tavole) e si presentano in diverse varianti; con le patate, le melanzane, addirittura con del tonno fresco e profumate alla menta. Il maiale ubriaco ci ha messo del suo, accostando al sapore deciso di questa pietanza dei peperoni rossi dolcissimi, provenienza costiera cilentana. Il risultato..lascio a voi l’ultima parola. Buon appetito. A presto!

Ingredienti x 4 persone

500 gr. di bucatini freschi
300 gr di pomodori maturi
6 spicchi d’aglio
40 gr. di mandorle pelate
2 peperoni rossi dolci
un piccolo mazzetto di basilico
olio extravergine d’oliva
sale
pepe

In un mortaio pestare insieme l’aglio, il basilico, le mandorle ed i pomodori precedentemente pelati e privati dei semi, aggiungendo un filo di olio extravergine. Condire con sale e pepe ed amalgamare bene gli ingredienti, aggiungendo se necessario altro olio d’oliva.
Nel frattempo tagliare i peperoni in strisce sottili ed ammorbidirli in padella per qualche minuto con un filo d’olio e un mestolo d’acqua. Ultimata la cottura, unire al pesto e mettere da parte.
Cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scolare al dente e continuare la cottura per qualche istante nella padella col sugo. Servire ben caldo, aggiungendo, se gradite, una spolverata di ricotta stagionata di capra.

Remo Morretta

Etichette: , , , ,

13 Comments:

Anonymous Filippo said...

Personalmente non conosco questi posti ma immagino che molta è la genuinità dei cibi nella loro semplicità e povertà degli ingredienti utilizzati..
Ottimo accostamento peperoni e questo tipo di pesto molto saporito, si potrebbero anche utilizzare dei pomodori secchi...
Perfetto anche il tocco finale..
Ottimo lovoro ragazzi..
Ciao Ciao
Filippovanni@libero.it

28/7/07 1:54 PM  
Blogger Vittoria said...

Il pesto alla trapanese è sublime...mai madre lo fa spesso (e io lo gradisco più col pane che con la pasta). Lei, però, non ci mette il peperone: la ricetta che le ha dato la sua amica originaria di Trapani, infatti, non lo prevede come ingrediente.

28/7/07 4:11 PM  
Blogger il maiale ubriaco said...

ciao filippo - grazie. Effettivamente dei pomodori secchi potrebbero utlizzarsi, il piatto diventerebbe simile ad una ricetta tipica della costiera cilentana. magari la ripropongo.

vittoria - la ricetta originale infatti non prevede il peperone, ma io lo ho aggiunto per addolcire leggermente il tutto ed inserirci un saporito prodotto della mia terra...magari riportaci la tua ricetta, sarebbe interessante fare un riscontro!

Saluti

Re

28/7/07 6:53 PM  
Anonymous Anonimo said...

Io mangiavo questo piatto a Ginostra e devo dire che è eccezionale! Lo propongo spesso anche a casa e devo dire che piace tantissimo anche ai miei adolescenti. Valeria

28/7/07 9:19 PM  
Anonymous Filippo said...

Mi potete rispondere, gentilmente alla domanda che vi ho inviato via mail la settimana scorsa??
Grazie.
ciao ciao
Filippovanni@libero.it

30/7/07 4:15 PM  
Blogger Jelly said...

Non ho mai assaggiato il pesto alla trapanese, ma sembra molto buono!
Lo proverò!!!

30/7/07 4:37 PM  
Blogger il maiale ubriaco said...

Filippo - Ok, provvediamo!

Valeria/Jelly, é davvero ottimo. provato e riprovato in diverse varianti, sempre con risultati eccezionali!

Re

30/7/07 6:04 PM  
Blogger anna said...

Molto invitanti questi bucatini! L'idea dei peperoni, per addolcire, mi sembra ottima. La proverò presto.

1/8/07 12:57 AM  
Blogger Cuocapercaso said...

Buonissimo questo piatto.. e come potrebbe non esserlo con sapori cosi' mediterranei! da provare, grazie!!!
ciao

Grazia

1/8/07 1:16 PM  
Blogger CalMa said...

Li faccio stasera. Mi sono imbattuto in questo blog per caso. Qualcuno è finito sul mio blog ricercando la stringa "maiale che ride". Io faccio la strada inversa e finisco in un maiale ubriaco. Bella sorpresa. Non vi perdo

4/8/07 12:53 PM  
Blogger CalMa said...

Li ho fatti ieri a pranzo. Non avevo bucatini, ho usato dei maccheroni alla chitarra. Buonissimi (ho aggiunto anche un paio di foglioline di menta nel battuto). La ricotta stagionata di capra ci sta da dio.

6/8/07 9:09 PM  
Blogger il maiale ubriaco said...

Questo commento è stato eliminato dall'autore.

7/8/07 10:35 AM  
Anonymous caravaggio said...

ricetta peccaminosa!

7/8/07 6:02 PM  

Posta un commento

<< Home